BDSM

Recensione in Anteprima – “OSSESSIVI” Four Mercenaries #2 di K.A. Merikan

TITOLO: Ossessivi
TITOLO ORIGINALE: Their obsession
AMBIENTAZIONE: Oregon
AUTRICI: K.A. Merikan
TRADUZIONE: Alice Arcoleo
GENERE: QLGBT – BDSM – Dark
SERIE: Four Mercenaries #2
FORMATO: E-book €4,99 – disponibile su Kindle Unlimited
DATA DI USCITA: 12 marzo 2020

ACQUISTA

Sinossi

— Amato. Protetto. Distrutto. —

Clover ha trovato l’amore non con uno ma quattro uomini. Non avrebbe mai immaginato che una relazione simile potesse funzionare, figuriamoci avere tutte le attenzioni ma, dopo un anno trascorso insieme, il suo legame con i quattro mercenari è più forte che mai.

Ogni uomo della sua vita lo completa in maniera diversa. Mentre Drake gli insegna lo shibari, Boar lo riempie di attenzioni. Tank è quello più severo e protettivo, mentre Pyro lo trascina nelle avventure più estreme.

Per entrare davvero a far parte del gruppo di mercenari, Clover ha scelto di seguire i loro insegnamenti. Sente il bisogno di un po’ di azione per dimostrare a se stesso e agli altri che può affrontare anche gli incarichi più difficili.

Tuttavia, in mezzo al caos e alla violenza, dovrà affrontare delle prove indesiderate. Amici del passato torneranno, i legami saranno messi alla prova e una sola mossa sbagliata potrebbe portare alla morte.

***

OSSESSIVI un romanzo dark gay harem contemporaneo, il secondo volume della trilogia “Four Mercenaries”. Ha contenuti espliciti, un linguaggio forte, personaggi moralmente ambigui e parecchie scene bollenti ed emotive.

POSSIBILI SPOILER:
Temi: poliamore, mercenari, cacciatori di taglie, albinismo, problemi a impegnarsi, passato oscuro, legame maschile, traffico di esseri umani, differenza di taglia, pericolo, maschio alpha, famiglia per scelta, mancanza di fiducia, condivisione, vittima e protettore, vendetta, crimine organizzato.
Lunghezza: ~63,000 parole.


RECENSIONE

Nessuno, in tutti quegli anni era riuscito a dargli quel senso di pace. Nessuno era rimasto abbastanza a lungo, nessuno si era disturbato a concedergli del tempo.

Stupendo, unico e imperdibile, è così che riassumerei questo secondo volume della serie “Four Mercenaries”. Un secondo capitolo che ingannevolmente inizia il suo racconto nell’erotismo più disinibito e spinto, per scivolare poi nel pericolo e nella suspense più attanagliante e dal ritmo serrato. Un ritmo che inevitabilmente ci cattura e trascina in una corsa senza fiato fino alla parola fine. Una fine che è solo l’inizio di una caccia, di una ricerca che ci verrà raccontata nel terzo e ultimo capitolo della trilogia. In “Ossessivi” le autrici spostano l’attenzione del lettore dalla relazione poliamorosa alle dinamiche più introspettive che abbracciano la sfera privata e le cicatrici che ogni protagonista nasconde dentro di sé. La decisione di Clover, di partecipare a una missione, scatenerà una serie di eventi efferati che metterà a repentaglio la vita di alcuni componenti della loro “famiglia”. Porterà alla sfiducia e alla menzogna, al tradimento emotivo e alla cattura di alcuni di loro. Quando il passato tornerà prepotentemente nel presente l’obiettività e la sete di vendetta offuscheranno ogni ragione e raziocinio, ogni remora e innocenza che si credevano già perdute. Tra tortura, pentimento e commiserazione, il rapporto che li aveva uniti si sbriciolerà a colpi di pistola, stupro e rapimento. Le accuse e le recriminazioni indeboliranno le fondamenta di un rapporto che si credeva solido e stabile. Egoismo e vendetta, ossessione e cecità, li renderanno fragili e divisi portandoli sul ciglio di un burrone che potrebbe decretarne la fine.

Crollò, scivolando lungo la parete, e si rannicchiò. Poteva solo pregare di ottenere una morte rapida.

Le autrici K.A. Merikan ci regalano uno sviluppo sensazionale, hanno dato vita ad un intreccio ricco e poliedrico attraverso la corposità caratteriale dei loro personaggi e la struttura dello sviluppo narrativo. Affrontano l’introspezione emotiva con scioltezza e scorrevolezza, regalandoci scene di commovente empatia che si alterna ad azione e violenza calibrandone con maestria ogni gesto, parola o emozione. Una storia unica e imperdibile che sa catturare l’attenzione più totale e completa. Imperdibile.

Sebbene gli sembrasse incredibile, abbracciò Pyro e lasciò che si sfogasse, mentre il mondo attorno a loro bruciava.

VOTO 5/5

Copia ARC fornita dalle autrici.


A proposito delle autrici
K. A. Merikan è lo pseudonimo di Kat e Agnes Merikan, un team di scrittrici che vengono
scambiate per sorelle con sorprendente regolarità. Kat è la sergente carogna e l’esperta di
sopravvivenza del duo, e non esita mai a prendere Agnes a calci in culo quando si sta rammollendo.
La sua memoria funziona come un registro ad accesso facilitato, il che permette a entrambe di
gestire sia i dettagli dei libri che i social media. Serve anche come GPS d’emergenza. Agnes è la
Merikan pignola e di solito la si trova impegnata nella formattazione o nella ricerca. La sua
attenzione tende a essere frammentaria, e nonostante vada verso la trentina ha bisogno di truccarsi
per poter comprare alcolici. Autoproclamata regina delle strade.
Amano il bizzarro e il meraviglioso, uscire dagli schemi e distorcere gli stereotipi sia nella vita che
nei libri. Quando prendete un libro delle Merikan c’è una cosa di cui potete essere certi: sarà pieno
di sorprese.

FOUR MERCENARIES SERIES

RECENSIONE

K.A. MERIKAN – AMAZON

K.A. Merikan