LGBT

Recensione – “CHAIN-SMOKE” Chain-Smoke Saga vol.1 di Maggie Solomon & R.L. Jackson

Titolo: Chain-Smoke
Serie: Chain-Smoke vol.1
Autore: Maggie Solomon & L.R. Jackson
Genere: Urban  Romance
Casa Editrice: Self Publishing 
Lunghezza: 321 pagine
Prezzo Ebook: € 4,99
Data di pubblicazione: 15 Dicembre 2018

ACQUISTA

Sinossi

Un proiettile può cambiarti la vita per sempre.Colin Myers, ex membro dei reparti speciali, lo sperimenta sulla propria pelle durante un attacco terroristico in Afghanistan. Menomato a vita, tormentato da incubi terribili e senza mezzi di sostentamento, inizia a lavorare per un signore della droga di La Sierra, una città dimenticata da Dio e dalla legge. Ed è qui, circondato da prostitute e criminali, che Colin cerca di rifarsi una vita, anche se dell’uomo che era un tempo ormai è rimasto ben poco. Ma il destino, ancora una volta, si mette di traverso. Una talpa della DEA sta spiando ogni loro mossa, e tocca a lui scovarla prima che sia troppo tardi. Per riuscire nella sua missione l’uomo chiede aiuto a Max, un ragazzo che si prostituisce sulle strade di La Sierra. Cinico e diffidente di natura, Max nota però in Colin qualcosa che non ha mai visto, e per la prima volta le sue convinzioni vacillano. Ma fidarsi di lui è una mossa saggia, o solo un grosso errore?
Chain-smoke è la storia di due anime spaccate che si trovano per caso, di vite che si scontrano con violenza, incasinandosi a vicenda in una città che inghiotte in un buco nero tutto ciò che trova.

Il conto alla rovescia è iniziato: la caccia all’infiltrato è aperta.


RECENSIONE

Non pensiamo mai alla vita in termini di scelta. Le scelte, per un po’ sembra possibile rimandarle, ma poi te le ritrovi sempre alle calcagna. E poi comprendi che hai già fatto le tue senza saperlo. (I. Welsh)

“Chain-smoke” è una storia dura e difficile, una vicenda di oscurità e perdizione, violenza e sopravvivenza, eppure… Eppure è un libro che ti cattura e ti trascina con sé tra le sue pagine, in un mondo difficile, quasi inimmaginabile, nessuna pietà o commiserazione, nessuno sconto o dolcezza. È in questa realtà, a noi così lontana, che conosciamo due anime spezzate, due anime perse che tentano con ogni loro forza di sopravvivere alla devastazione di una vita alla deriva.

Colin e Max, un ex soldato e un prostituto, due uomini così diametralmente diversi, due vite smarrite che tentano di sopravvivere alla devastazione di ogni sogno o illusione, eppure, per casualità o destino, le loro strade finiscono per intrecciarsi, per collimare nella violenza e nel dolore.

Max è un giovane cinico e disincantato, sopravvive vendendosi e nascondendo una mente acuta e scaltra sotto cinismo e provocazione, strafottenza e dissolutezza. Conoscere Colin e restare invischiato in un “gioco” più grande di lui lo porterà al centro di una caccia all’uomo che potrebbe costargli la vita. Tra bugie e spavalderia è impossibile non affezionarsi a questo giovane uomo, questo ragazzo che lascia trapelare, tra le crepe di una corazza fatta cinismo e indifferenza, un cuore che sa ancora essere compassionevole. 

Colin è sicuramente la figura più difficile da analizzare dell’intera vicenda, è un ex Berretto Verde, un soldato che lottava per il suo paese, un uomo precipitato nella perdizione e nella violenza tra dolore e PTSD. Fatichiamo a inquadrarlo, fatichiamo a vederlo come un cattivo, un uomo senza più scrupoli o morale. Colin sa di essere alla totale deriva, di essere su un percorso di totale autodistruzione, lanciato in una corsa velenosa che lo corrode inesorabilmente dall’interno, un cancro che lo divora spingendolo verso un desiderio di morte che fatica a placare. Quando la sua vita dipenderà da quella di un innocente, di un uomo dedito alla giustizia, il dolore che lo attanaglierà gli costerà forse l’ultimo pezzo della sua anima oscura. Intrecciare la sua strada con Max lo metterà di fronte a troppe domande, dubbi a cui non vuole rispondersi. Coinvolgerlo in una condanna a morte lo costringerà a capire e soffrire per quel giovane uomo  che lentamente ha lasciato entrare tra le sue barriere, a cui si è affezionato ma che non riesce a inquadrare appieno. 

Il nostro mondo ci inghiotte, mastica e sputa fuori i nostri resti prima ancora che ce ne accorgiamo.

“Chain-smoke” è un libro stupendo ma sicuramente non facile per le tematiche trattate, una storia che ci apre la porta su un mondo duro e violento, un mondo reale e forse proprio per questo difficile da accettare. Grazie ad una narrativa curata e ammaliante le autrici, Maggie Solomon e L.R. Jackson, danno vita a una vicenda ricca di personaggi attentamente caratterizzati, figure ricche di caratteristiche e peculiarità ben precise, uomini e donne che occupano un ruolo ben determinato e connaturato all’interno della storia. Alcuni li amiamo, di altri abbiamo ribrezzo e paura, proviamo empatia e commozione, rabbia e orrore. “Chain-smoke” è un viaggio nelle profondità della perdizione umana, un viaggio che saprà catturarvi completamente. Consigliato.

VOTO 5/5


CHAIN-SMOKE SAGA