Romance

10 Febbraio – “Dirty lie. Ogni bugia ha la sua verità” di Sofia Mancini

Titolo: Dirty lie. Ogni bugia ha la sua verità
Serie: Mates #4
Autore: Sofia Mancini
Genere: Romance
Casa Editrice: Self Publishing
Prezzo: Ebook €1,99 – Anche in Kindleunlimited
Data di pubblicazione: 10 Febbraio 2019

ACQUISTA

Sinossi

E se la tua vita fosse solo una sporca bugia?
Come sopravvivrai alla verità?

La vita di Isobel è stata messa sottosopra. Una verità troppo amara da mandare giù. Una verità che non si sarebbe mai aspettata.
Tutto è stato messo in discussione. Anche il suo amore per Joshua. 
Non sa più chi è. Non sa più cosa vuole. Mentre la loro storia d’amore viene storpiata dai media che speculano su ciò che è successo, Isobel, fugge dal mondo e da se stessa.
Non può amare Joshua, rinchiuso in carcere e sotto processo, non può andare a trovarlo e niente riesce farla rinsavire.
Ma ciò che è stato svelato, è davvero la verità o solo una vendetta?
Come riuscire a provare l’innocenza di un uomo condannato a morte?

ESTRATTO:

In un impeto di gelosia, le afferro la nuca e l’attiro a me baciandola. Assaporo le sue labbra che sanno di frutta, di proibito. È un bacio che non ha niente di romantico. È un bacio che vuole dire “sei mia e di nessun altro”. 
Posa le mani sul mio petto e stringe appena la camicia, come se volesse aggrapparsi a essa. Mugugna sulla mia bocca e prendo questo suo ansimo come un invito a proseguire.
Con la mano libera le accarezzo il fianco fino ad arrivare al bottone dei jeans che sgancio senza troppa difficoltà.
La voglio nuda, adesso.
Ci stacchiamo un attimo per guardarci negli occhi e lei approfitta del momento per sbottonare lentamente la camicia.
«Quindi è così che la mettiamo, eh?», domando malizioso mentre abbasso la cerniera dei suoi jeans.
«Abbiamo un po’ di tempo», mormora con voce calda.
«Ma un po’ di tempo non ci basta mai, lo sai». 
Addio cena fuori! 
«Allora chiama e rimanda la cena a più tardi». 
La camicia è ormai aperta e lei si diverte a disegnare dei cerchi con i polpastrelli sulla mia pelle, mentre la mia mano si è già intrufolata nelle sue mutandine riscoprendola esageratamente calda.
«Ho le mani impegnate, non posso», sussurro sulla sua bocca impudica mentre sbottona i miei pantaloni.
Tira in basso anche i miei boxer liberando, poi, la mia erezione. Gemo e le riservo lo stesso trattamento.
Nuda. 
Solo per me.
Solo mia.

DELLA STESSA AUTRICE: 
You are my sin 

Categorie:Romance

Con tag:,