Recensioni

Recensione-“LASCIATA ALL’ALTARE” di Vittoria Tomasi

Titolo: Lasciata all’altare
Autore: Vittoria Tomasi
Casa Editrice: Delos Digital
Genere:  Romanzi Rosa
Prezzo: ebook € 4,99
Pagine: 367
Data di pubblicazione: 29 Maggio 2018

ACQUISTA

https://amzn.to/2smMH0W

Sinossi

 Lasciata all’altare! Poteva andare peggio per Sofia? Eccome! Soprattutto quando il fratello della sposa, sbarcato giusto in tempo per complicare ulteriormente le nozze più disastrose della sua carriera, arriva a scuotere la sua disastrata vita sentimentale…

L’esordio di Sofia come wedding planner? Un completo disastro. Ecco perché ora è partita lei, anziché la sposa, in viaggio di nozze con il fratello Claudio. Dopo essere stata lasciata nel bel mezzo del matrimonio di Claudio, Sofia si lascia consolare da Andrea, affascinante ufficiale di crociera, nonché fratello della sposa. Tutto, nonostante qualche imprevisto (e con l’aiuto di qualche bicchiere di prosecco), sembra andare per il verso giusto, almeno fino a quando scopre, nel peggiore dei modi, l’identità dell’amante del suo ex fidanzato. Da quel giorno per Sofia inizierà un interminabile viaggio pieno di disavventure e situazioni imbarazzanti, dalle strane nottate in compagnia di mister Tartaruga alle docce al sapore di pollo. Ad agitare ulteriormente questo mare in burrasca, tornerà l’ufficiale Andrea Rasi, che stravolgerà ogni sua idea sul rapporto a distanza, e Messere John, il misterioso cavaliere con la maschera da volpe incontrato a un ballo a Venezia…

Vittoria Tomasi, nata a Codigoro nel 1990, vive a Comacchio, tra il mare e le valli. Grande amante della scrittura, fa della comunicazione il suo mestiere, lavorando come giornalista, addetta stampa, presentatrice e conduttrice televisiva per alcune emittenti locali.
Laureata in Comunicazione Pubblica e in Marketing e Comunicazione Aziendale, ha esordito nel 2014 con diversi racconti pubblicati in varie antologie e il romanzo Anita e la Setta dei Padroni del Tempo (Mannarino Editore), seguito da Welcome to Chrissi Island (Lettere Animate) e Anita e il segreto di Venezia (edizioni la Carmelina).
Lasciata all’altare è il suo quarto romanzo.

 

RECENSIONE

L’alcool preso da solo è un toccasana per i cuori infranti, è la frutta che ti fotte

Non è mai facile iniziare una recensione, spesso sono troppe le cose che si vorrebbero raccontare, commentare o condividere, purtroppo per voi non amo fare spoiler, non amo rovinare il piacere di essere sorpresi dalla trama, dai personaggi o dagli eventi occorsi nel dispiegarsi della vicenda. Se vi state domandando: “Ma e allora?” Non vi preoccupate, potrei parlarvi del susseguirsi di disastri, sfortune o casualità tragicomiche. Potrei porre l’accento sulla protagonista Sofia, una ragazza solare, schietta e, a volte, forse un po’ troppo impulsiva, un’impulsività che inevitabilmente la catapulta in situazioni imbarazzanti e alle quali tenta di rimediare con la sua vena sarcastica senza controllo. Sofia è legata a tre amiche storiche del liceo, amiche così di diverse tra loro eppure inseparabili, compagne di bevute e serate bizzarre.                                                                        Claudio, fratello di Sofia, lo ritroviamo più volte lungo tutta la narrazione, un uomo al carattere equilibrato, sempre pronto a sostenere Sofia nelle sue scelte e ad accorrere in caso di bisogno, non perdetelo di vista perché il meritato lieto fine arriverà anche per lui.

Potrei parlarvi di Andrei Rasi o Messere John ma non voglio rovinarvi il piacere di scoprire le strategie lecite o subdole che riusciranno ad attuare per conquistare la dama del loro cuore, sicuramente anche voi parteggerete per uno di loro, chi sceglierà infine Sofia? Quello che posso sicuramente dirvi è che la sua scelta mi ha fatto felice. Sicuramente non sprecherò le mie parole per Riccardo e Arianna, se la sono cavata anche fin troppo bene a mio avviso.

Sicuramente una cosa che noterete anche voi è che Sofia è una ragazza indipendente, emancipata, sogna l’amore, il romanticismo, una famiglia ma non a discapito della sua integrità e orgoglio. indipendenza e professione.

“E’ stata un’impresa venire fino a qui, ma io ti trovo sempre” 

In conclusione tra incidenti e scherzi, crociere e fughe, fiducia e dubbi, lontananza e amore, “Lasciata all’altare” è un libro che merita di essere letto, una storia fresca e divertente che lascia spazio anche a dolcezza e romanticismo, raccontatoci da una narrativa scorrevole fresca e immediata. Consigliatissimo.

DELLA STESSA AUTRICE

Anita e la setta dei padroni del tempo

https://amzn.to/2HQkK7f

Metà cuore a Chrissi Island

https://amzn.to/2JTZOBy